TAPPE CONGRESSO 2018

QUANDO LE RIUNIONI

DOCUMENTI

Primarie 2018

INCONTRACI IN PROVINCIA di Pordenone

  • 26 Ott
    Fontanafredda: Bolzonello e De Monte sul Lavoro.... 26 Ott 2018 20:00 to 22:00

    LE ISTITUZIONI EUROPEE E REGIONALI PER IL LAVORO: QUALI OPPORTUNITA’? ne parliamo con: ISABELLA DE MONTE Europarlamentare del Partito Democratico SERGIO BOLZONELLO Consigliere regionale e Capogruppo

  • 26 Ott - 26 Ott

Entro il 30 luglio 2007

  • Presentazione delle dichiarazioni di candidatura alla carica di Segretario Nazionale, corredate da una dichiarazione di intenti e da un numero di firme di sottoscrittori compreso tra duemila e tremila, di cui almeno cento in cinque diverse regioni.

Le dichiarazioni di candidature sono accettate se corredate, entro i termini previsti per la presentazione delle liste (21 e 22 settembre 2007), da dichiarazioni di liste presentate in almeno 25 diversi collegi, in non meno di cinque differenti regioni.

 

Entro il 12 settembre 2007

  • Presentazione delle dichiarazioni di candidatura alla carica di Segretario Regionale, corredate da una dichiarazione di intenti e da un numero di firme compreso tra 500 e 750 per le Regioni fino a un milione di abitanti e tra 1000 e 1500 per le Regioni con popolazione superiore a un milione di abitanti.

Tra il 21 e il 22 settembre 2007

  • Presentazione delle liste per l’elezione dell’Assemblea Nazionale.

Le liste devono essere plurinominali, con alternanza di genere.

Le liste devono comprendere un numero di candidati non superiore al numero dei componenti da eleggere nei relativi collegi e non inferiore ai due terzi.

Nessuno può candidarsi in più di un collegio.

La lista indica un candidato Segretario nazionale.

Il collegamento nella circoscrizione può avvenire con una dichiarazione di intenti.

Non più della metà di liste collegate può avere come capolista persone dello stesso genere.

Una lista di collegio deve essere corredata da un numero di firme compreso tra 100 e 150.

  • Presentazione delle liste per l’elezione delle Assemblee regionali.

Per ogni collegio le liste devono essere plurinominali, con alternanza di genere e composte da un numero di componenti pari al doppio di quello previsto per l’elezione dell’Assemblea Nazionale.

Dal 23 settembre al 13 ottobre 2007

  • Svolgimento della campagna elettorale:

Il Collegio nazionale dei Garanti predispone un Regolamento di autodisciplina della campagna elettorale idoneo ad assicurare condizioni di parità fra i candidati.

Nel Regolamento sono altresì disciplinate le modalità con le quali è possibile rendere pubblici e diffondere gli annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, nonché discorsi svolti dai candidati.

  • L’Ufficio di Presidenza promuove assemblee ed iniziative pubbliche nel corso delle quali ha luogo un confronto tra i candidati o i loro delegati a parità di condizioni.

14 ottobre 2007

  • Elezione dei componenti dell’Assemblea costituente nazionale e, in collegamento con essi, del Segretario politico nazionale del PD.

  • Elezione dei componenti delle Assemblee regionali e, in collegamento con essi, dei Segretari regionali del partito.

  • Le operazioni di voto si svolgono in un’unica giornata dalle ore 7 alle ore 20.

  • Per essere ammessi al voto occorre esibire al seggio un documento di identificazione e, ad eccezione dei non ancora maggiorenni e dei non cittadini italiani, la propria tessera elettorale.

  • E’ necessario che l’elettore dia espresso consenso a che il proprio nominativo ed i propri recapiti siano inseriti nell’elenco dei partecipanti alla votazione ed a che l’elenco stesso sia reso consultabile per ogni eventuale verifica relativa all’effettiva partecipazione al voto, nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali.

27 ottobre 2007

  • Prima riunione dell’Assemblea Nazionale, convocata dal Presidente Romano Prodi.

 

Entro il 13 novembre 2007

  • Insediamento delle Assemblee Regionali, convocate dal Presidente Romano Prodi.

 

Entro il 24 novembre 2007

  • In ogni provincia gli eletti nelle assemblee costituenti regionale e nazionale eleggono, a maggioranza assoluta dei presenti e con eventuale ballottaggio tra i primi due, il Coordinatore provinciale. In caso di collegio riguardante più province l’eletto vota nella provincia con il maggior numero di elettori nello stesso collegio. Si costituisce altresì un Coordinamento Provinciale, composto dai suddetti eletti nelle assemblee costituenti, nonché dai Sindaci e dai Capigruppo Consiliari del PD nei Comuni capoluogo, dai Presidenti di Provincia e dai capigruppo provinciali del PD, dai consiglieri regionali e dai parlamentari aderenti a gruppi del PD.  Il Coordinamento provinciale può allargarsi ad altre persone con il voto favorevole di due terzi i componenti dello stesso.
    Le Assemblee Costituenti Regionali, convocate per il 10 novembre, possono prevedere la creazione di livelli equivalenti a quello provinciale per particolari situazioni territoriali o per le aree metropolitane.

 

Entro il 30 novembre 2007

 

  • dovranno essere costituiti i gruppi del Partito Democratico ad ogni livello istituzionale; Gli eletti aderenti al partito democratico contribuiranno al finanziamento del partito al livello (comunale, provinciale, regionale, nazionale) territorialmente corrispondente;

Entro il 23 dicembre 2007

  •  Saranno convocate dai Segretari regionali in accordo con i Coordinatori provinciali, assemblee di tutti i votanti alle primarie del 14 ottobre per costituire il partito democratico nei territori, secondo le modalità decise congiuntamente dal Segretario Nazionale e dai Segretari Regionali. Ai partecipanti alle Assemblee verrà consegnato un Certificato di “Fondatore del Partito Democratico”.
Ultimo aggiornamento ( mercoledì 31 ottobre 2007 )
Ds e Margherita sono già pronti a fondersi nella stessa "squadra" ma dalla due Civiche arrivano le prime resistenze

I quindici consiglieri pur aderendo (non tutti) al nuovo soggetto politico potrebbero restare fuori
Piena adesionein spirito (anche se non per tutti) al nuovo soggetto politico, ma di smantellare la Civica che in aula conta ben 15 consiglieri, non se ne parla. Di più. Per non "rompere" la squadra con il rischio di creare tensioni interne, l'intera pattuglia del Fiume potrebbe non entrare nel gruppo unico del Partito Democratico . E la stessa strada seguirebbero pure gli eletti negli organismi nazionali e regionali del Pd. È questo lo scenario che si sta prefigurando nel consiglio comunale di Pordenone soprattutto in seguito all'incontro che si è tenuto l'altra sera.


«Ma servirà anche l'esperienza»
La sfida della neo coordinatrice
La sfida è di far decollare il Partito Democratico a 28 anni confrontandosi con politicinavigati. Ma Francesca Papais, eletta l'altro giorno coordinatrice provinciale, si sente pronta.

Non c'è il rischio che i "vecchi volponi" la tirino per la giacca?

«Sono sicura che non ci saranno interferenze e che nessuno verrà a tirarmi per la giacca. Credo invece che sarà mio compito cercare il coinvolgimento di tutti, sia di chi più esperto ha senza dubbio avuto e continua ad avere grandi meriti nella storia politica e amministrativa, sia dei giovani che con il loro entusiamo e la volontà di rinnovare porteranno una ventata di idee nuove. Voglio anche aggiungere che non credo ci siano vecchi volponi, ma tante persone capaci di dare il consiglio giusto, al momento giusto».


Cordenons - È nato a Cordenons il gruppo consiliare del Partito democratico . La comunicazione ufficiale è arrivata giovedì scorso in occasione del consiglio comunale, durante il quale sono stati comunicati i nomi dei consiglieri che ne fanno parte. Provenienti dai gruppi dei DS e della Margherita sono: Alessandro De Paoli, Claudio Marson, Domenico Schinella (capogruppo), Emanuele Ceschin, Gianni Ghiani, Giovanni Sposato, Lucio Dell'Anna, Luigi Mozzon, Natale Sorrentino (indipendente), Norina Cesarin, Roberto Gardonio, Sandro Romanin.

Il volto nuovo e giovane del Partito democratico
Pordenone - Tutto come da copione, salvo alcune scosse. A reggere il timone del Partito democratico provinciale sarà Francesca Papais(nella PressphotoLancia), 28 anni, con le idee chiare sin dal primo discorso, quello subito dopo il voto. A presentare la candidatura (era l'unica) il sindaco Sergio Bolzonello (era presidente dell'assemblea) sotto gli occhi vigili del vicepresidente della Regione Gianfranco Moretton e dell'oramai ex segretario provinciale dei Ds, Paolo Pupulin. Ma il ciao iniziale di Francesca Papais e poi la sicurezza (dopo la prima emozione) con la quale ha subito preso in mano il filo del discorso fanno presagire che la neo coordinatrice sarà capace di navigare in un mare che a volte avrà anche turbolenze. E i primi segnali sono arrivati già ieri. Intanto si muovono anche i Circoli delle Libertà con il primo "referendum" locale sul nome da assegnare al nuovo soggetto politico voluto da Berlusconi. E al banchetto dei Circoli si vede per la prima volta anche il senatore Albertino Gabana, ufficialmente vestito di Azzurro.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI