logo Pordenone

SINDACA

CANDIDATI

PROGRAMMA

COME SI VOTA?

LE TUE IDEE

RISULTATI

 BUONGIORNO PORDENONE

cropped copertina2

Sono nata qui nel 1958. Diverse cose belle della Pordenone della mia infanzia sono rimaste: è ricca di verde, di acque, vivibile come allora, quando biciclettavo con le amiche,giocavo a pallavolo, studiavo, discutevo e facevo pace con i miei fratelli. In casa ho respirato politica e mi è rimasta dentro. Ma non l’ho mai trasformata in mestiere al quale
chiedere reddito e potere, ho vissuto sempre e solo con il mio lavoro.
Sono molto legata anche a

Cordenons, il paese della mamma, e poi là ho vissuto molti anni di matrimonio, prima di separarmi. I miei figli Marco e Stefania sono fondamentali, abbiamo un legame stretto anche se, come altri, hanno studiato, e ora lavorano, all’estero. Dopo le scuole superiori mi sono laureata in Storia e Filosofia a Padova. Mi trovo bene in aula, ho iniziato alla Scuola media di Pasiano, ora insegno Italiano e Storia al “Flora” di Torre.
Il mio interesse politico si è sempre concentrato sulla comunità locale e provinciale.
La democrazia nasce e cresce sul territorio, affronta i problemi concreti delle persone,
delle famiglie, delle aziende, delle professioni, delle associazioni. Ora ho l’opportunità
di trasferire tutto il mio impegno su Pordenone. È giusto così.
Se mi si chiede perché mi candido a sindaco, rispondo infatti solo: Pordenone.
Oggi questa comunità ha bisogno di credere di più in se stessa e nelle sue evidenti potenzialità ed energie, ritrovare il sorriso, per accogliere e per crescere insieme, come storicamente è accaduto, quando le fabbriche portavano qui persone le più diverse. Rimanendo una città di lavoratori, di persone talvolta schive, sempre perbene.
Se invece mi si chiede come farò il sindaco: concentrandomi sulle voci di tutti, anche di
quelli che non mi avranno votato, l’unico modo efficace per governare: ascoltare, dialogare, proporre decisioni al Consiglio comunale, per far ripartire, con l’aiuto di tutti, la città ed il territorio della Destra Tagliamento. Ah, da donna: non mi si chieda di fare l’uomo...

 LA PRIMA SINDACO DELLA CITTA'

www.danielagiust.it  Facebook Tweeter

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI