Via San Giuliano resterà a senso unico. Almeno per altri due mesi, sino alla fine della sperimentazione voluta dal Comune. È questa la decisione presa dall’amministrazione comunale che partirà dalla chiusura del cantiere prevista per la fine di giugno e proseguirà sino a fine agosto, ma potrebbe anche sconfinare, per avere una visione più dettagliata, sino a metà settembre. C’è subito da dire che via San Giuliano, prima del cantiere necessario a sistemare la carreggiata, realizzare parte di una pista ciclabile e soprattutto rendere decenti i marciapiedi, era a doppio senso. Del resto la strada, una delle più trafficate, aveva due compiti essenziali: portare il traffico cittadino sino in autostrada e in senso opposto far entrare le auto nel centro del capoluogo. La prima discussione si era aperta sulla necessità o meno di abbattere i tigli. Dopo mesi di battaglia il consiglio comunale aveva deciso di non tagliare le piante. A quel punto è stato modificato il progetto. I lavori, una volta partiti, avrebbero dovuto terminare a metà maggio, ma da un lato il brutto tempo, dall’altro il ritrovamento di diversi sottoservizi che non erano segnalati, hanno fatto slittare la chiusura del cantiere.

Via San Giuliano, prove di viabilità

I lavori termineranno a fine giugno. Poi sperimentazione del senso unico per due mesi

Via San Giuliano resterà a senso unico. Almeno per altri due mesi, sino alla fine della sperimentazione voluta dal Comune. È questa la decisione presa dall’amministrazione comunale che partirà dalla chiusura del cantiere prevista per la fine di giugno e proseguirà sino a fine agosto, ma potrebbe anche sconfinare, per avere una visione più dettagliata, sino a metà settembre. C’è subito da dire che via San Giuliano, prima del cantiere necessario a sistemare la carreggiata, realizzare parte di una pista ciclabile e soprattutto rendere decenti i marciapiedi, era a doppio senso. Del resto la strada, una delle più trafficate, aveva due compiti essenziali: portare il traffico cittadino sino in autostrada e in senso opposto far entrare le auto nel centro del capoluogo. La prima discussione si era aperta sulla necessità o meno di abbattere i tigli. Dopo mesi di battaglia il consiglio comunale aveva deciso di non tagliare le piante. A quel punto è stato modificato il progetto. I lavori, una volta partiti, avrebbero dovuto terminare a metà maggio, ma da un lato il brutto tempo, dall’altro il ritrovamento di diversi sottoservizi che non erano segnalati, hanno fatto slittare la chiusura del cantiere. Ora, però, siamo agli sgoccioli, da qui la necessità di trovare una soluzione al traffico. Durante i lavori la strada è sempre rimasta aperta a senso unico (direzione Borgomeduna - Fiera), ma in più occasioni si sono creati contraccolpi per la viabilità lungo via Nuova di Corva, via Mestre e via Delle Grazie. Da qui la volontà di una parte degli amministratori, una volta aperta la strada, di far tornare il traffico in via San Giuliano su due direzioni di marcia. Dopo una lunga discussione, però, è prevalsa un altra tesi: sperimentare il senso unico come è ora per almeno due mesi. A quel punto saranno i vigili urbani a stendere una dettagliata relazione. Se l’esito della sperimentazione sarà positivo via San Giuliano resterà a senso unico (direzione Borgomeduna - Fiera), in caso contrario sarà riaperta anche la corsia per il traffico contrario. «La sperimentazione - spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Renzo Mazzer - è stata scelta per verificare direttamente sul campo se via San Giuliano a senso unico sia in grado di supportare il traffico. Saranno i vigili urbani con la loro relazione, una volta verificata la situazione in questi sessanta giorni, a stabilire l’esito della sperimentazione. Noi ci adegueremo». Mazzer manda anche un messaggio al consigliere Emanuele Loperfido che ha presentato una interrogazione chiedendo spiegazioni per i ritardi del cantiere di via San Giuliano. «Durante la sistemazione della strada - attacca - sono stati individuati molti sottoservizi, penso al gas e all’energia elettrica che non erano segnalati. A quel punto, per fare le cose per bene, abbiamo deciso di spostarli, mapparli e renderli sicuri. Un lavoro che è costato circa un mese e mezzo di tempo in più rispetto alla tabella di marcia. Non mi pare si tratti di tempi improponibili anche considerando il fatto che il tempo non è stato certo clemente».
Resta il fatto che in città stanno per aprirsi nuovi cantieri che incideranno sulla viabilità. Inizieranno martedì i lavori di riqualificazione delle vie del Fante, Chiuso, Bersagliere, dell’Artigliere e Cavalleria. Lavori che serviranno per rendere più efficiente il sistema viario. Su via Del Fante è prevista l’istituzione di un tratto di strada a senso unico tra via Cavalleria e vial Chiuso, mentre in via Del Bersagliere sarà istituito il senso unico di marcia con direzione da Vial Chiuso verso via Montereale, così come su via Dell’artigliere.
Loris Del Frate


tratto da Il Gazzettino 13-06-2009

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI