logo Pordenone

Il lavoro dei nostri Consiglieri a Pordenone

circo largeLa maggioranza appoggia un emendamento del PD che stravolge la Mozione Gianelli.

Il PD chiede di procedere, al termine dell'esperienza delle circoscrizioni alla fine dell'attuale mandato amministrativo, a riprogettare forme di partecipazione/coinvolgimento alternative,  che consentano al cittadino di prendere parte attiva al governo della città.

 Al penultimo consiglio comunale ad accendere le polveri è stato  il futuro delle Circoscrizioni, i parlamentini di quartiere, ci ha pensato il consigliere di Forza Italia, Franco Giannelli, con una vecchia mozione mai arrivata in fondo.

La mozione presentava con toni pungenti diverse le criticità:

 - sono un modo di erogare soldi pubblici inutilmente

 - vanno sostituite da associazioni

 - che € 40.000,00 che potrebbero essere meglio spesi”

 - pertanto chiede la "... soppressione...” delle Circoscrizioni.

 A presentare un emendamento (link emendamento) alla mozione (link mozione) di Giannelli il consigliere del Pd, Walter Manzon. Un documento che era condiviso da tutta la maggioranza  e che di fatto ha rivisitato il taglio netto dei Quartieri chiesto dal forzista e rilanciato la proposta di introdurre nuove modalità partecipative.

 In pratica il Pd ha demandato a Sindaco e Giunta lo studio di un nuovo organismo che superi il modello delle Circoscrizioni.

 Una formula partecipativa che garantisca comunque l'ascolto del cittadino, la diffusione della discussione sulla progettualità amministrativa, che promuova la partecipazione e che permetta lo maturazione di un senso civico diffuso. 

Il tutto da fare entro fine mandato in modo da poter poi modificare anche lo Statuto. Sino ad allora resta valida la formula attuale.
 
In 40 anni da quando sono nate le circoscrizioni i modi di comunicare con i cittadini sono cambiati notevolente ed  ora il PD chiede che se ne prendenda atto.

Una volta esistevano solo i giornali e i telefoni. Oggi  vi sono strumenti informativi efficaci dell'amministrazione comunale quali l'urp (Ufficio Relazioni col Pubblico) e il sito Internet (con un numero medio di 70000 accessi al mese e in maggio con gli alpini 120000), quest'ultimo con contenuti molto aggiornati che vanno dall'attività della macchina amministrativa, dove esiste una sezione che coinvolge 290 associazioni e i loro rispettivi calendari, e arricchito dal molto apprezzato Sistema di Segnalazione online, con un ammontare medio di 125 segnalazioni al mese.

Certo questi non esauriscono l'interazione tra cittadino e amministrazione e per ciò Sindaco e Giunta hanno promosso nel tempo forme partecipative come

Piano regolatore ( Pordenone più facile ), Laboratorio di Borgomeduna, esperienza partecipativa per via San Quirino,...

Pordenone più facile in vista della stesura del Piano Regolatore, il Laboratorio di Borgomeduna a favore del piano di riprogettazione, esperienza partecipativa per la ristrutturazione di via San Quirino.

Si tratta ora di valorizzare la solida esperienza delle circoscrizioni e concretizzare le numerose cogenze dell'oggi (riduzione dei costi della politica e ripensamento del rapporto cittadino-amministrazione) con un progetto organico ed efficace, che tenga conto di tutto ciò e che sappia guardare un passo più in là.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI