logo Pordenone

Il lavoro dei nostri Consiglieri a Pordenone

cuborisoltoFinalmente dopo 30 anni Pordenone avrà un nuovo piano regolatore.

- Stop all’edificazione in aree esondabili;

- Riduzione del consumo di suolo così da promuovere la rigenerazione urbana sostenibile;

- Incentivi al risparmio energetico e alla diffusione delle energie rinnovabili;

- Nuovi edifici attenti alla qualità sociale e/o ambientale;

- Recupero del rapporto con il fiume Noncello;

queste le principali novità introdotte dall’innovativo strumento urbanistico adottato ieri sera dal Consiglio Comunale.

Le idealità del Partito Democratico si affermano con il nuovo piano che favorisce nuove opportunità di sviluppo, tutela l’ambiente, valorizza le risorse e l’identità della città.

Un apprezzamento per il lavoro svolto vanno al Sindaco Pedrotti, all’assessore Toffolo e al loro staff.

Il Partito Democratico di Pordenone esprime soddisfazione per l'adozione del nuovo Piano Regolatore Generale di Pordenone: da oggi la città adotta un regolamento urbanistico che si fonda su una visione ampia e di respiro europeo.

Questo PRG si struttura infatti su scenari strategici irrinunciabili, riassumibili con parole come Rigenerazione e Riqualificazione urbana, Tutela ambientale, Riduzione del consumo di suolo, revisione dei Servizi, Archeologia Industriale, valorizzazione delle Energie della città.

Lo strumento partecipativo che ha accompagnato l'elaborazione del Piano ha permesso all'amministrazione di individuare scelte il più possibile condivise con la cittadinanza, le categorie, le associazioni. A riprova di un metodo democratico che ha dato risultati evidenti in termini di progettualità per il futuro della città.

Il Partito Democratico ha contribuito in modo determinante alla definizione di un disegno innovativo di sviluppo che permetterà a Pordenone di rafforzare la sua vocazione produttiva, la sua capacità inclusiva per tutte le fasce sociali e, non da ultimo, il suo rilancio di ospitalità turistico-culturale e ambientale.

Approvato il Piano, si passerà poi alla concretizzazione delle fasi operative che gli daranno sostanza in modo evidente e che consentiranno a Pordenone di puntare a una qualità della vita sempre più alta e appetibile.

 

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI