logo Pordenone
Vado a scuola con gli amiciFile Mozione n. 10/2016 – 357.7 kB
Elaborazione di un piano partecipato della mobilità scolastica sostenibile. PROPONENTI: Cavallaro, Conficoni, Del Ben, Giust, Marcon e Tomasello.
 
 
Elaborare un Piano Partecipato della Mobilità Scolastica Sostenibile: questa la proposta avanzata dal Partito Democratico all’Amministrazione Comunale.

Gli spostamenti casa - scuola, coinvolgendo in fasce orarie ben definite non solo gli alunni e i loro accompagnatori ma anche il personale docente e non docente, hanno un forte impatto sul traffico veicolare e sull’ambiente.

Limitare l’uso dell’auto privata per questi tragitti, dunque, a maggior ragione significa fluidificare la circolazione stradale, aumentare la sicurezza e migliorare la qualità dell’aria.

Per questo è opportuno responsabilizzare le giovani generazioni ad assumere abitudini di spostamento virtuose, promuovendo forme di accessibilità alle scuole che favoriscano il benessere psico-fisico dei ragazzi.

Se vogliamo incoraggiare gli alunni a raggiungere le scuole a piedi, in bicicletta o con l’autobus, dobbiamo lavorare sul versante strutturale e su quello culturale, nonché migliorare l’offerta di servizi.

Alcuni esempi positivi testimoniano i passi avanti che anche a Pordenone si sono fatti in questa direzione.

Esportare le buone pratiche già sviluppate in tutti gli istituti della città, è proprio l’obiettivo del Piano Partecipato della Mobilità Scolastica Sostenibile.

Nelle nostre intenzioni, infatti, questo strumento, dopo un’attenta analisi, deve, tra le altre cose, far emergere, per ogni plesso, le migliori soluzioni volte a:

-          rendere sicura ed attrattiva la rete dei percorsi casa – scuola pedonali e ciclabili, individuando quelli preferenziali;

-          adeguare gli spazi di pertinenza delle scuole e del loro immediato intorno, anche regolamentando la circolazione stradale per evitare la congestione del traffico;

-          dotare la scuola di adeguati cicloparcheggi e fermate dell’autobus comode e sicure;

-          sviluppare campagne di sensibilizzazione finalizzate ad incentivare l’attivazione di nuovi “pedibus” e “bicibus” e, più in generale, a educare alla mobilità sostenibile.

Chiaramente il coinvolgimento dei portatori d’interesse nell’elaborazione del Piano è di fondamentale importanza perché non offre solo l’opportunità di condividerne il contenuto, ma contribuisce alla diffusione della cultura della sostenibilità e favorisce l’adesione al cambiamento delle abitudini di spostamento.

La mozione contenente la proposta, depositata lo scorso settembre in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, verrà discussa in uno dei prossimi consigli comunali.

L'auspicio è che venga accolta dall’Amministrazione.

 

 

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI