logo Pordenone

mani che si stringono coordinamentoIl Partito democratico di Pordenone si prepara alla campagna elettorale. Nel corso della riunione di coordinamento andata in scena giovedì 22 ottobre presso il circolo di Via Sturzo, i democratici cittadini hanno gettato le basi per quella che sarà la strategia da qui ai prossimi mesi.

Che ruoterà tutta attorno al programma elettorale. “Prima viene il programma, poi il toto-nomi”, ha ripetuto più volte la segretaria Daniela Giust.

E così sarà: il coordinamento è stata l’occasione per gettare le basi di un’alleanza che dovrà giocoforza coinvolgere anche le liste civiche. E quale miglior coinvolgimento se non una scrittura condivisa dei principali punti programmatici con i quali presentarsi ai cittadini?

Nelle prossime settimane Pd e civiche, forti dei tanti anni di buona amministrazione comune, daranno vita a gruppi di lavoro comuni suddivisi in tre grandi aree tematiche: riforme e futuri assetti istituzionali, lavoro-ambiente, welfare e diritti. Già fissate le prime riunioni, a cavallo tra fine ottobre e inizio novembre.

Chiarissime quindi le linee guida del centrosinistra pordenonese, il cui baricentro non può che essere il Pd: puntare su contenuti e progetti concreti in grado di offrire una prospettiva di medio termine, così da proseguire nel buongoverno della città.

Tanta concretezza, poche chiacchiere e zero propaganda.

{jcomments off}

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI