logo Pordenone

Ha ragione il presidente di Arcigay Nuovi Passi Udine e Pordenone quando, a proposito della manifestazione promossa per il giorno 10 novembre dalla Destra sociale cittadina intitolata “Casa nostra o casa loro? Riprendiamoci Pordenone”, definisce Pordenone “città europea, accogliente e civile”, respingendo con fermezza ogni tentativo di discriminazione tra le persone, razziale o di sesso che siano, definendo “non pordenonesi” chi li professi.


Denunciano una grave arretratezza su tematiche che andrebbero affrontate con serietà e senza strumentalizzazioni politiche, utili solo a fini elettoralistici e per assicurarsi bacini elettorali, e hanno il solo effetto di bloccare una domanda sociale di modernità, mortificano i nostri desideri e attenuano gravemente i nostri diritti. Lo spettacolarismo al quale tristemente, e direi anche un po’ pateticamente, certi modi di far politica continua ad arrampicarsi, ci condanna all’arretratezza e rallenta la modernità.
Il PD è convinto che ciò non riguarda la nostra città che, invece, è matura per affrontare e lasciar raccontare le nuove necessità socio-demografiche e le nuove soggettività. Respinge con fermezza ogni tentativo di discriminare le persone, ferendone la dignità e ledendone i diritti civili, come ad esempio, per gli stranieri residenti, la creazione di aree-ghetto o, ancor peggio, di scuole-ghetto, queste ultime ancor più abominevoli perché colpiscono le fasce deboli dell’infanzia. I diritti individuali non possono essere negoziati ma affermati, ed è indispensabile che vengano messi al centro dell’agenda politica, abbandonando stereotipi e luoghi comuni. Argomenti come il diritto di cittadinanza per chi nasce o risiede stabilmente sul nostro territorio, le coppie di fatto, alla buona vita e alla buona morte, matrimoni tra stessi sessi, devono essere urgentemente affrontati, senza perdere il senso comune della solidarietà, perché il tempo dei diritti non può essere procrastinato, ma è ogni giorno!

 

 

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI