logo Pordenone

sonegoNota del segretario del circolo di Pordenone, Michele Padovese, sulla controversa vicenda del vitalizio che vede contrapposti il senatore Lodovico Sonego e la giunta regionale guidata da Debora Serracchiani.

"Il circolo del Pd di Pordenone, nel confermare l’appoggio all’azione riformatrice della giunta regionale sulla riduzione dei costi della politica, considera del tutto ingiustificata l’iniziativa politica e legale del senatore Lodovico Sonego a cui chiede l’immediata revoca".

Padovese, quindi, scarica Sonego a nome dell'intera segreteria cittadina del partito, nella quale gli esponenti a lui vicini non mancano. In particolare, non convincono le motivazioni sulle quali il senatore fonda la propria battaglia, legale prima ancora che politica: invocare i diritti acquisiti in un momento storico come l'attuale costituisce un segno di lontananza siderale dai quei milioni di cittadini che ogni giorno faticano a far quadrare i conti.

"La richiesta di vitalizio da assessore da parte di Sonego, che si è trasformata in azione legale verso la Regione – argomenta il segretario del circolo – costituisce un cattivo esempio che contribuisce ulteriormente ad aumentare la sfiducia dei cittadini verso le istituzioni. Le ragioni dei diritti acquisiti costituiscono scarsa argomentazione, nel momento in cui gli effetti della crisi economica colpiscono migliaia di famiglie, che devono fronteggiare consistenti riduzioni di reddito". 

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI